Quando Ignazio Florio disse 'no' al pizzo e la mafia gli incendiò il Villino

 
47
 
2-10-2019
Lo storico Vincenzo Prestigiacomo svela un "pizzino" inviato tra il 1906 e il 1907: "Avemo bisogno di duemila lire per aiutaru le famiglie dei carcerati". Ma il cavaliere, secondo gli studi, si rifiutò di cedere al ricatto. Mittente: il boss ...
FOTO
1 di 1
Gli articoli sono stati selezionati e posizionati in questa pagina in modo automatico. L'ora o la data visualizzate si riferiscono al momento in cui l'articolo è stato aggiunto o aggiornato in Libero 24x7